Report Raida Come Mangi with Giacomo Bisi

Tutto inizia a metà dello scorso aprile, sto per uscire dalla stanza di un hotel vicino a Milano quando mi squilla il cellulare: “Ciao Edo, ci sei fra metà luglio ed agosto per fare il reportage fotografico di tre camp Raida Come mangi?”, dall’altro capo del telefono la voce di Jack (ndr. Giacomo Bisi) risuona allegra e vibrante come sempre. Al volo la riposta è: “confermami le date e faccio in modo di liberarmi”.

Fast forward alcuni mesi dopo e sono in viaggio alla volta di Morzine, location della prima settimana di corso.

Si inizia facendo sul serio con il camp avanzato ad invito, i sentieri dei bike park su cui poseremo le ruote saranno alcuni fra i più interessanti in tutta Europa: Morzine e Les Gets nel comprensorio Portes du Soleil. Una splendida settimana all’insegna del migliorare la propria tecnica in mtb ed il divertimento!

Poi capita che segui Jack troppo da vicino e sottovaluti un po’ il suo laconico “occhio qua eh?!” così ti ritrovi a rotolare giù dal sentiero così tanto che quando ti fermi devi arrampicarti per recuperare la bici. Fa parte del gioco, per fortuna casco integrale e protezioni salvano faccia e ginocchia. Nulla di rotto e dopo un giorno di ghiaccio si riparte.

Chiusa la settimana a Morzine ci spostiamo a Sazue d’Oulx per le successive due settimane dei camp Base ed Intermedio.

Il bike park Alpi Bike Resort di Sauze è una location ottima per i successivi camp e poi come non amare lo staff di La Fontaine che ci ospita!

Negli anni mi sono ritrovato ad aprire il computer per scaricare le foto ed effettuare la selezione e la post produzione degli scatti in posti a volte davvero curiosi, questa volta l’unico neo è che il comodino è davvero troppo basso per fungere da scrivania.

Lo svantaggio dell’avere una “scrivania” scomoda è però ampiamente ripagato dalle dimensioni dell’ufficio…

Ecco alcune immagini dele tre settimane di corsi Raida Come Mangi.

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.